New York stories

New York stories A chi la attraversa con occhi attenti New York racconta la storia di un secolo preciso il Novecento in quali idee credeva di quali mali soffriva che sogno di felicit inseguiva Camminare tra il Low

  • Title: New York stories
  • Author: Paolo Cognetti F. Scott Fitzgerald John Cheever Richard Yates Maeve Brennan Ed Sanders Oriana Fallaci Grace Paley
  • ISBN: 9788806228019
  • Page: 115
  • Format: Hardcover
  • A chi la attraversa con occhi attenti, New York racconta la storia di un secolo preciso, il Novecento in quali idee credeva, di quali mali soffriva, che sogno di felicit inseguiva Camminare tra il Lower East Side e il Greenwich Village, o pedalare su per Broadway fino a Times Square, o costeggiare l isola in traghetto da Harlem alla Battery, come assistere a un epopeaA chi la attraversa con occhi attenti, New York racconta la storia di un secolo preciso, il Novecento in quali idee credeva, di quali mali soffriva, che sogno di felicit inseguiva Camminare tra il Lower East Side e il Greenwich Village, o pedalare su per Broadway fino a Times Square, o costeggiare l isola in traghetto da Harlem alla Battery, come assistere a un epopea che nasce nell et del transatlantico e delle grandi migrazioni, supera gli anni ruggenti, gli anni ribelli, gli anni dell opulenza, e finisce una mattina di inizio millennio, il giorno del 2001 in cui qualcuno ha immaginato di poter distruggere New York Ma una citt non fatta solo di luoghi sono le persone con i loro sentimenti, le loro relazioni e desideri, a darle la sua anima E New York lo dice Fitzgerald nel racconto che apre questa raccolta non la citt di chi ci nato, ma quella di chi l ha desiderata, e ha dovuto combattere per farne parte Come la vecchia Mary del racconto di Nicholasa Mohr tradotto per la prima volta in Italia , che ha lasciato un figlio a Portorico con l intenzione di tornare a riprenderselo dopo aver fatto fortuna come gli emigranti descritti da Mario Soldati che durante la traversata immaginano cos il loro approdo fauci aperte, immane leviatano, a triturare senza piet chiunque non sapesse l inglese I personaggi indimenticabili di queste storie la bella bionda di Dorothy Parker, quello spilungone di Jelly che gareggia a colpi di rime in strada per rimediare un pranzo, o Pier Paolo Pasolini, in pantaloni di velluto e scarpe di camoscio, che si aggira da solo per le zone pi cupe del porto compongono il frastuono di grida, litigi, proteste, suppliche, dichiarazioni d a che sono la musica di New York Un luogo dove nascondersi, dove perdersi o ritrovarsi, dove fare un sogno in cui si abbia la prova che forse, dopo tutto, non si un brutto anatroccolo, ma si meravigliosi, degni di a , come scrive Truman Capote Paolo Cognetti da anni esplora le strade e le storie della Grande Mela, e ci regala con quest antologia una bussola letteraria preziosa e originale per il nostro personalissimo viaggio La mia citt perduta Francis Scott Fitzgerald La bella bionda Dorothy Parker Solo i morti conoscono Brooklyn Thomas Wolfe Il 14 Distretto Henry Miller Italo americani Mario soldati Storia nello slang di Harlem Zora Neale Hurston Il barile magico Bernard Malamud La vecchia Mary Nicholasa Mohr New York Truman Capote Ballata John Cheever Saluti a casa Richard Yates Ti vedo, Bianca Maeve Brennan La suocera Ed Sanders Un marxista a New York Oriana Fallaci Ascoltare Grace Paley Interni a Manhattan Mario Maffi Bei tempi addio Joan Didion L angelo Esmeralda Don Delillo Un luogo dove non sono mai stato David Leavitt Le cose che non facciamo per a Mona Simpson Il gilgul di Park Avenue Nathan Englander Limiti cittadini Colson Whitehead

    Humans of New York The latest stories from HONY, featuring interviews with thousands of people on the streets of New York City. The New York Times VR Sensations of Sound Deaf scholar Rachel Kolb shares her experience of hearing music for the first time after receiving a cochlear implant. Barneys New York Luxury Designer Handbags, Shoes and Shop Barneys New York for designer handbags, shoes and women s and men s designer clothing by Saint Laurent, Isabel Marant, Stella McCartney, Balenciaga, The Row, and Givenchy. Spectrum News NY New York City Get breaking news, weather alerts, live streaming video and from NY, Charter Spectrum s hour news channel in New York City. Humans of New York Brandon The Top Humans of New York Brandon Stanton s thousands of not quite candid street portraits of New Yorkers and accompanying captions, usually from the subjects themselves have made his Humans of New York blog both poignant and extremely popular as well as garnering him recognition as one of Time magazine s People Under Changing the World. New York Magazine New York Magazine energizes people around shared interests, igniting important conversations on the news, politics, style, and culture that drive the world forward. Technology The New York Times Meng Wanzhou Was Huawei s Professional Face, Until Her Arrest Ms Meng, the daughter of Huawei s secretive founder, Ren Zhengfei, had stressed transparency at the company. New York Knicks The Official Site of the New York Knicks The official site of the New York Knicks Includes news, scores, schedules, statistics, photos and video. NYU About NYU Connecting talented and ambitious people in the world s greatest cities, our mission is to be a top quality institution. CBS New York Breaking News, Sports, Weather, Traffic And The Best of NY

    • [PDF] ↠ Free Download Þ New York stories : by Paolo Cognetti F. Scott Fitzgerald John Cheever Richard Yates Maeve Brennan Ed Sanders Oriana Fallaci Grace Paley ✓
      115 Paolo Cognetti F. Scott Fitzgerald John Cheever Richard Yates Maeve Brennan Ed Sanders Oriana Fallaci Grace Paley
    • thumbnail Title: [PDF] ↠ Free Download Þ New York stories : by Paolo Cognetti F. Scott Fitzgerald John Cheever Richard Yates Maeve Brennan Ed Sanders Oriana Fallaci Grace Paley ✓
      Posted by:Paolo Cognetti F. Scott Fitzgerald John Cheever Richard Yates Maeve Brennan Ed Sanders Oriana Fallaci Grace Paley
      Published :2018-09-04T10:43:45+00:00

    One thought on “New York stories”

    1. New York è una città alla spasmodica ricerca d'attenzioni, e puntualmente riesce a riceverle. È uno sfavillante leviatano e chi diventa sua preda va incontro a un cambiamento inevitabile.

    2. Sono ventidue autori per ventidue racconti, eppure mi è sembrato di leggere sempre la stessa storia con un'opzione doppia sul finale. Perché ci sono due tipi di persone: quelle che arrivano a New York e ripartono in tempo, e quelle che restano. Il tempo è relativo: può essere un mese, un anno, un decennio. Il tempo per salvarsi. Chi lascia New York guarderà sempre alla città come a un miraggio, «uno di quei castelli incantati visitati dai personaggi delle leggende».A chi decide di restar [...]

    3. andare in giro per new york con cognetti dovrebbe far fico, ma è un po' tipo visitare pompei con alberto angela. non si butta via niente come nel maiale, anche se la guida ha l'attitudine (frequente tra chi ha fatto la gavetta in minimum fax) a presentare tutto come se dietro vi fosse un guizzo di genialitàova york resta bellissima (5 o 6 di questi racconti lo sono davvero) però devi farti andar bene l'impressione che il percorso sia studiato anche in funzione dei selfie da pubblicare su inst [...]

    4. Ma ciò che si nasconde davvero fra i racconti di New York Stories sono le persone, le amicizie, gli amori, tutti i legami che fanno battere forte il cuore e rendono speciale qualsiasi incontro, anche il più banale. () New York Stories è un secolo pieno di vita, di emozioni, di palpitazioni (), è un elogio a ciò che è stato il Novecento, un insieme di racconti che fanno la storia di una metropoli amata da molti e odiata da altrettanti, un simbolo ancora oggi così forte e attraente.justanot [...]

    5. Sulle scelte e sulle qualità dei singoli racconti si potrebbe far notte, l'importante è che l'obiettivo della raccolta sia riuscito.La mia città perduta, Francis Scott Fitzgerald ☆☆☆☆La bella bionda, Dorothy Parker ☆☆☆☆Solo i morti conoscono Brooklyn, Thomas Wolfe ☆☆☆Il 14° Distretto, Henry Miller ☆☆☆☆Italo-americani, Mario soldati ☆☆☆Storia nello slang di Harlem, Zora Neale Hurston ☆☆☆Il barile magico, Bernard Malamud ☆☆☆☆☆La vecchia Mary, [...]

    6. Formidabile! Cognetti è riuscito a introdurci meravigliosi autori che, con i loro racconti ci fanno sentire protagonisti delle loro storie, quasi come se stessimo camminando per le strade di New York da leggere assolutamente!

    7. Che mi piacesse il Cognetti novellista era già chiaro. Che io abbia apprezzato moltissimo il Cognetti romanziere (e ben prima dello Strega, meritatissimo) era altrettanto evidente. Mi spingerei ad affermare che persino il Cognetti “saggista” mi aveva colpito oltremodo. Ora posso affermare serenamente che anche nella veste di curatore di una antologia di racconti altrui (e che altrui!) Paolo Cognetti è in grado di regalare moltissimo.«Ogni antologia su New York è solo una delle tante poss [...]

    8. Sono stata alla presentazione del libro, alla libreria Giufà di Roma. Paolo Cognetti ci ha spiegato l’intento dell’opera che è quello di raccontare una storia a partire dagli inizi del 900, il momento in cui la città cambia anima attraverso l’immigrazione. New York è stata la capitale dell’immigrazione, la città è stata fatta da persone provenienti dall’altra parte del mondo e non. New York è di tutti, è tua, anche se non ci sei mai stato. Siamo cresciuti con la cultura america [...]

    9. New York è senza alcun dubbio la città più difficile da raccontare.Prima di esistere in quanto città, in quanto microcosmo reale e tangibile affollato da milioni di vite, incroci di strade, grattacieli e taxi gialli, esiste per ognuno di noi come mito.New York è una vera e propria creatura mitologica, alimentata da secoli di letteratura e da decenni di tradizione cinematografica: c’è chi ci va convinto di incontrare qualcuno nell’osservatorio dell’Empire State Building, ritrovare un [...]

    10. È una raccolta composita, difficile definirla nella sua interezza, sta di fatto che è piacevole perdersi nelle sfumature di una città mai idealizzata, osannata e conquistata come questa. È una piccola America all’interno dell’America.Esperienze, sogni, tormenti si concentrano in circa 400 pagine. Le ventidue penne, la cui scelta è volutamente caduta sui racconti, sono tutt’altro che newyorkesi. «New York non è la città di chi ci è nato, ma quella di chi l’ha molto desiderata e h [...]

    11. New York storiesFrancis Scott Fitzgerald - La mia città perduta (My Lost City) **: meno organico dei suoi soliti racconti, forse perché autobiografico?Dorothy Parker - La bella bionda (Big Blonde) ***: buono studio di personaggio, ma manca il finaleThomas Wolfe - Solo i morti conoscono Brooklyn (Only the Dead Know Brooklyn) **: pointlessHenry Miller - Il 14° Distretto (The 14th Ward) **: mi ha fatto riflettere quando parla della memoria, affermando che arriva un certo punto della vita in cui, [...]

    12. "E la prua fende le acque in una metafora senza fine: il greve corpo del vascello avanza, con la prua sempre fendente, e il suo peso è il peso imponderabile del mondo, l'affondamento nelle ignote pressioni barometriche, negli ignoti antri e crepacci geologici dove le acque scorrono melodiosamente e le stelle si rivoltano e muoiono e mani si levano, si rendono e ghermiscono e stringono e mai afferrano né si chiudono ma annaspano e s'agitano mentre le stelle can morendo una per una, miriadi di s [...]

    13. Tantissimi racconti molto evocativi che fanno sognare new york , ne fanno sentire l'odore gli incipit di cognetti sono meravigliosi , il racconto dell'Esmeralda di De Lillo e' una delle cose migliori che abbia mai letto nella mia vita.

    14. L'ho amato molto. Mi ha fatto ricordare certi momenti del mio liceo dove la letteratura americana sembrava il mio futuro (oltre che il mio passato).

    15. New York New YorkBella l'idea di fare questa antologia, Cognetti ha saputo organizzare bene l'opera dividendola nei periodi che ha vissuto la città di New York nell'arco del '900. Il problema (mio) è stato di trovarsi a leggere una marea di racconti per lo più mediocri, la maggior parte sono racconti autobiografici che sembrano ripetersi tutti nella stessa malinconia o nella stessa solitudine pur avendo stili diversi, ma questo è un po il mantra che riunisce tutti i racconti e alla lunga mi [...]

    16. Ho sentito molto parlare di questo libro, e soltanto in maniera positiva, per questo all'inizio della lettura pensavo che fosse stato decisamente sopravvalutato, ma mi sono dovuta ricredere.Diversi racconti, sebbene fossero scritti con un linguaggio assai curato e poetico mi hanno dato l'impressione di essere insipidi e inconsistenti, come ad esempio il primo di Fitzgerald. Ma con mia piacevole sorpresa altri valgono davvero la lettura, come ad esempio il racconto di Dorothy Parker, Oriana Falla [...]

    17. Rendere lo spirito di una città attraverso un'antologia di testi non è un'operazione semplice. Se poi quella città è una grande metropoli mondiale come New York, sulla cui storia è stata edificata un'autentica mitologia, l'opera può diventare uno sforzo titanico o donchisciottesco, in virtù della capacità dell’autore. Paolo Cognetti, già padre della serie "Scrivere/New York" per Minimum Fax, ha centrato l'obiettivo col tomo edito da Einaudi e pubblicato l’anno passato, un’opera ch [...]

    18. As a passionate New York lover as I am, you cannot dislike this anthology of short stories about the Big Apple. Cognetti selected authors coming from different ages and perspectives (F.S. Fitzgerald, Dorothy Parker, Truman Capote, Grace Paley, Don DeLillo, Bernard Malamud, Joan Didion and many others, as well as a few Italian writers like Mario Maffi and Oriana Fallaci) so as to give the reader a complex and indeed incredible view on the most famous city in the world. I particularly enjoyed Maev [...]

    19. Siamo a gennaio ma so già che rientrerà nella top ten del 2016. Tante voci che voglio approfondire, la voglia di stringere la mano a Cognetti - per i testi che ha selezionato e le introduzioni che inquadrano ogni periodo - e tornare a New York: ecco cosa mi ha lasciato la lettura di questo libro. Oltretutto adoro leggere racconti, e la capacità di condensare in un numero di pagine esiguo un microcosmo è un'arte per pochi.

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *